Press "Enter" to skip to content

Para Ice Hockey, Mondiali di Ostrava: l’Italia cede 3-1 alla Slovacchia

Nel terzo e ultimo incontro del Gruppo B ai Mondiali gli azzurri sono sconfitti 3-1 dalla Slovacchia che ritroveranno domani nella finalina per il 7°-8° posto

La Slovacchia si aggiudica il primo round contro l’Italia. Nell’ultima partita della fase eliminatoria del Mondiale di para ice hockey, la compagine azzurra si è arresa per 3-1 alla formazione che incontrerà nuovamente domani sera (ore 20.45) nella finale per il 7°- 8° posto. Dopo un primo periodo senza reti, la Slovacchia si è portata in vantaggio con Joppa nella seconda frazione. Nella terza, l’Italia trova il pareggio con Sandro Kalegaris in apertura ma poi si arrende ai rivali sotto i colpi di Vecerek, autore di una doppietta.

La Nazionale tricolore chiude così al quarto posto il girone B. Il pass paralimpico riservato alle prime cinque classificate di questa rassegna iridata non è più alla portata ma la strada verso Pechino 2022 resta aperta, con gli ultimi posti in palio nel torneo del prossimo novembre. Questo, intanto, il commento a fine girone eliminatorio dell’head coach azzurro Massimo Da Rin:
Era una partita che contava poco perché comunque sapevamo già di essere penultimi o ultimi, per cui è domani quella che davvero ha valore. Giocando due partite attaccate, abbiamo deciso di far ruotare tutti e provare alcuni accorgimenti e schemi, come ad esempio Rosa in attacco, viste le poche partite internazionali giocate nell’ultimo anno e mezzo. In aggiunta, sto facendo ruotare tutti e tre i portieri perché anche Kasslatter che è più giovane ha bisogno di giocare e fare esperienza per il futuro.  Dobbiamo essere più concreti e cercare gol più “sporchi”, ovvero con deviazioni davanti alla porta perché il portiere slovacco è tra i più forti al mondo. È relativo, ma noi ci teniamo tantissimo a vincere e a far sentire l’inno almeno una volta qui a Ostrava. Poi, quest’autunno ci giocheremo uno degli ultimi posti rimanenti per la Paralimpiade di Pechino del prossimo febbraio“.

Fonte: Ufficio Stampa Fisg – SalaStampa.Eu

* 75 *