Voci da Trieste

12.10.2018

Intervista a Hrvoje Peric

Sabato 13 ottobre al PalaVela si sfidano due squadre rimaste a bocca asciutta nella partita inaugurale di campionato. I torinesi padroni di casa, ancora senza l’allenatore Larry Brown, non hanno vinto che la partita di semifinale di SuperCoppa. Gli avversari triestini invece, nuovi arrivati (o forse sarebbe meglio dire ritornati) dalla serie A2, sono stati sconfitti in casa da Bologna. Inoltre, la squadra di Dalmasson è a mezzo servizio: secondo alcune fonti, l’ex-gialloblu Chris Wright potrebbe già essere in grado di giocare sabato, ma Justin Knox e Giga Janelidze si sono aggiunti agli infortunati Matteo Da Ros e Hrvoje Peric. Proprio il “Pero” Peric, che quest’anno ha avuto un inizio un po’ in sordina per via dell’infortunio, spiega la sua situazione e analizza la prossima partita.

Allora, ti vedremo sabato a Torino?
Purtroppo mi sono infortunato in precampionato, e lo sono ancora, ma adesso mi sento meglio. Ci vorrà ancora un po’ di tempo per recuperare al cento per cento. Non sarò sabato a Torino, resto a Trieste perché il nostro team medico e l’allenatore hanno deciso sia meglio che io resti qui per allenarmi e prepararmi meglio in vista della prossima settimana, perché può essere cruciale per il mio ritorno sul campo.

Quali errori avete commesso nella prima partita e dovrete evitare sabato contro Torino?
Nella scorsa partita siamo partiti un po’ morbidi, specialmente in difesa nel primo tempo, dove abbiamo incassato 51 punti. Questo non si permette, soprattutto quando si gioca a casa, però dopo l’intervallo abbiamo alzato l’intensità in difesa e questo ci ha dato fiducia e confidenza. Purtroppo, alla fine abbiamo perso la partita, ma comunque penso che abbiamo fatto un bell’incontro. Bisogna lavorare sulla difesa dall’inizio, dalla palla a due.

© 2018 Berenice Guzzo. Tutti i diritti riservati – La riproduzione totale o parziale del contenuto di questo articolo è vietata – Esclusivo per SportJournal.Pictures

Abbiamo centinaia di storie da raccontare in Sport Journal Pictures, questa è soltanto una di quelle.